Hosting.HTML.it

 Home page

 Offerte di hosting

 Offerte di housing

 Registrazione domini

 Windows server

 Linux server

 Supporto ASP

 Supporto PHP

 SQL server

 Front Page

 Server italiani

 Server stranieri

 Ricerca avanzata

 Offerte memorizzate

 Registrazione hoster

 Area privata

 Guida all'acquisto

 F. A. Q.


 Hoster in rilievo


Hosting per OpenSource

Server Windows

Web 2.0

Sito web in 5 minuti

Linea Hosting Pro

Web Hosting italiano €19

Y2K Hosting.com da €19

Hosting per Rivenditori

Hosting KOLST da 30€ l'anno

       Cerca un'azienda    F.A.Q. 


Meglio un Webserver NT o Linux?


Nel momento in cui deciderete di acquistare uno spazio Web commerciale, vi troverete di fronte alla scelta di un server gestito da Linux o da NT. Attualmente le percentuali di utilizzo parlano decisamente in favore di Linux, che grazie alla gratuità e alle sue origini Unix è di gran lunga il più apprezzato tra gli addetti ai lavori. NT, al contrario, si sta imponendo con una politica molto differente: prodotto a pagamento, tecnologia proprietaria e codice sorgente segreto. Infatti, mentre Microsoft continua coerentemente ad adottare una politica commerciale di vendita software, Linux è assolutamente gratuito con codice di pubblico dominio. Questo significa che chiunque ne abbia le capacità può modificare il sistema operativo e rendere tali modifiche pubbliche. In questo modo Linux è il risultato di un impegno su scala planetaria di studenti, docenti e semplici appassionati legati tra loro da Internet e da un'organizzazione che si occupa di armonizzarne lo sviluppo.
Linux è, quindi, la realizzazione di un'utopia che non può non affascinare e sedurre esperti e non. NT, al contrario, è un prodotto a pagamento e interamente sviluppato dai tecnici di una società specializzata, sul quale non si possono produrre modifiche o miglioramenti esterni. Rappresenta, quindi, continuità con il passato e la politica che finora ha retto la diffusione del software.

Da un punto di vista tecnico quali conseguenza ha la scelta dell'uno o dell'altro sistema operativo in un'offerta di housing?

NT ha il vantaggio di adottare un'interfaccia grafica familiare a tutti gli utilizzatori di sistemi Windows (95, 98 ecc.). Particolare, questo, non secondario soprattutto per utenti alle prime esperienze di gestione server. Intendiamoci, con questo non vogliamo asserire che NT sia un sistema operativo semplice, anzi, la sua complessità è tale da richiedere corsi di specializzazione, certificazioni e migliaia di pagine di manauli. Il vantaggio dell'attuale NT è un approccio "user friendly", laddove Linux adotta sintassi proprie e grafiche spartane. Il perchè di questa difficoltà di approccio si evince dalla storia di Linux, nato per utenza esperta e non per i neofiti dell'informatica.
Non va taciuto, comunque, che vari tentativi sono stati abbozzati per rendere Linux più semplice e immediato. Questo impegno continuo alla ricerca di un'interfaccia più accattivante è garanzia che prima o poi i due prodotti, almeno da questo punto di vista, partiranno in posizione di parità.

Dal punto di vista della sicurezza molti esperti in materia ritengono Linux più solido, soprattutto se affiancato da Webserver Apache. Non mancano, però, voci e giudizi completamente opposti. La nostra idea è che un server, sia esso NT o Linux, sia fortemente insicuro quando non curato e seguito costantemente. Come per ogni software in commercio, e tanto più per quelli indirizzati alla sicurezza e gestione di Webserver, la sicurezza è certamente il primo requisito. Così come esistono migliaia di tecnici impegnati al raggiungimento del maggior livello di sicurezza, così un numero altrettanto fornito di hacker tenta di scovare ogni bug possibile del programma. Con "bug" si intendono i punti scoperti del programma, attraverso i quali è possibile forzare il sistema. Sia per NT che per Linux non mancano allarmi periodici su bug di sicurezza. Un Webserver seguito e controllato pone in essere tutti i rimedi possibili per eliminare tale stato di insicurezza. Cosa che ovviamente non fa un Webserver lasciato in balia degli eventi. Così accade che bug conosciutissimi in ambienti tecnici sono causa di attacchi hacker e violazioni dei sistemi di sicurezza. La prima e fondamentale regola da seguire è, a nostro avviso, quella di seguire costantemente il proprio Webserver, sia esso Linux o Nt.

Per siti di grandi dimensioni è preferibile l'uso di un server Linux, mentre per siti di medio-piccole dimensioni Nt è una valida alternativa. Va anche ricordato che per siti in housing (a questo proposito si veda la lezione specifica di questa guida) le richieste hardware di Linux sono minime rispetto ad Nt. Anche per un sito di medio-piccole dimensioni NT richiede computer molto potenti, mentre Linux gestisce perfettamente server molto trafficati anche con computer Pentium o addirittura 486 (quest'ultima va considerata un'eccezione alla regola).

Nell'offerta di hosting, svincolata dall'amministratore del webserver, la scelta tra NT e Linux dipende essenzialmente dal tipo di script utilizzati dal sito.

Per chi ha intenzione di implementare tecnologia ASP, coloro che intendono rendere disponibili i propri database MS Access sul Web, coloro che intendono utilizzare ColdFusion devono indirizzarsi verso un server NT.

Per chi ha intenzione di implementare PHP o CGI è consigliabile la scelta di un server Linux.

Ricordiamo che nei contratti di hosting il costo del software è a completo carico del fornitore di spazio Web, dunque tale costo non influisce nelle scelte del cliente.








© 1997 - - Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di HTML.it s.r.l. (p.iva: 05985341006)