Hosting.HTML.it

 Home page

 Offerte di hosting

 Offerte di housing

 Registrazione domini

 Windows server

 Linux server

 Supporto ASP

 Supporto PHP

 SQL server

 Front Page

 Server italiani

 Server stranieri

 Ricerca avanzata

 Offerte memorizzate

 Registrazione hoster

 Area privata

 Guida all'acquisto

 F. A. Q.


 Hoster in rilievo


Hosting per OpenSource

Server Windows

Web 2.0

Sito web in 5 minuti

Linea Hosting Pro

Web Hosting italiano €19

Y2K Hosting.com da €19

Hosting per Rivenditori

Hosting KOLST da 30€ l'anno

       Cerca un'azienda    F.A.Q. 


Server in Italia o negli USA?


Per la diversa gestione delle telecomunicazione e la maggior "tradizione" in affari di Internet, il costo delle linee negli Stati Uniti è molto basso rispetto al mercato italiano.
Nella pratica questo si traduce in costi molto elevati per server localizzati nel territorio nazionale ma che, e qui si attiva un circolo vizioso infinito, sono anche più veloci di quelli stranieri. In realtà la situazione sta progressivamente cambiando nella direzione di un abbattimento dei costi, che comunque non è ancora completa.
Su questo punto è bene precisare che la maggior velocità dei server italiani rispetto a quelli americani (o inglesi) non è dovuta a superiorità tecnica o attrezzature di alta qualità, ma dal fatto che in uscita ed entrata del Paese le linee subiscono una sorta di collo di bottiglia. Banalizzando, è ovvio che il trasferimento dati verso un altro continente rallenti di molto i tempi, come di conseguenza è ovvio che il trasferimento dati all'interno del Paese velocizzi il tutto. Nella maggior parte dei casi i server americani sono tecnicamente molto più affidabili di quelli italiani, perché rodati e commercialmente evoluti. Il fatto poi di lavorare su quantità di traffico elevate (negli USA la percentuale di cittadini con un accesso Internet è molto alta, e di conseguenza le grandezze dei siti variano da quelle italiane) obbliga tali società a dotarsi di enormi strutture che garantiscano la costanza del servizio.

Tornando alla scelta tra server italiani e stranieri il punto fondamentale è: meglio un server molto costoso ma veloce, o un server poco costoso ma più lento ? Ovvio che si stia generalizzando e che altri fattori condizionano la velocità di un server: la banda disponibile, il numero di visite contemporanee, la saturazione delle linee internazionali e dei provider dei singoli utenti.

I fattori che spingono ad acquistare un servizio hosting/housing italiano sono:

  • maggior velocità di connessione per utenti che si collegano dal territorio italiano;
  • assistenza in italiano e solitamente più celere, visto che le macchine si trovano fisicamente in Italia e non sono state affittate negli Stati Uniti.

    L'hosting/housing americano (o inglese) ha, invece, i seguenti vantaggi:

  • costo contenuto;
  • affidabilità dei macchinari e delle linee usate;
  • maggior velocità di collegamento per utenti non italiani;
  • maggior spazio su disco concesso ai clienti.

    Da questa breve e schematica disamina risulta evidente che per un Website rivolto esclusivamente al mercato italiano, la scelta di un server nazionale è obbligata. Così non è per siti rivolti al mercato straniero.
    Per tutti quei Webmaster che decidono di sottoscrivere un dominio a scopi prevalentemente hobbistici, o comunque per vedere qual è il riscontro presso gli utenti Internet, la scelta di un server americano a basso costo è preferibile.

    Da qualche tempo sono disponibili offerte di hosting italiano di buona qualità ed a costo contenuto; solo 100mila lire in più rispetto ad un pari server negli USA.








  • © 1997 - - Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di HTML.it s.r.l. (p.iva: 05985341006)